Da ormai molti anni è impossibile non sentire continuamente parlare di cambiamento climatico ed inquinamento, temi che da decenni sono al centro di ogni tematica.
In effetti il nostro pianeta ha subito e sta subendo degli stravolgimenti enormi, dovuti al surriscaldamento globale e al forte inquinamento, che da anni e anni danneggia la terra. Solo ultimamente però si è vista una forte sensibilizzazione collettiva alla tematica della sostenibilità, in quanto sempre più persone si stanno rendendo conto che se non si riesce a trovare una soluzione nel più breve tempo possibile, potremo incorrere in problemi davvero molto gravi.
Il cambiamento climatico, così come la sostenibilità ambientale, colpisce tutti indifferentemente, dal singolo cittadino alla grande industria aziendale. Come però si può ben immaginare, il grosso del lavoro dovrebbe partire da chi ha le risorse e i mezzi per poter incidere di più sul cambiamento, anche perché riguarda tutti, senza distinzioni.
Venendo al mondo delle aziende nessun settore è estraneo a quelli che sono i cambiamenti climatici e i problemi che ne derivano, nemmeno quelle che fanno parte della filiera vitivinicola, cioè le aziende produttrici di vino. Infatti le tematiche ambientali riguardano molto da vicino anche tutto quello che riguarda il mondo del vino, dalla sua produzione alla sua esportazione in tutto il pianeta.

 

L’impegno per l’ambiente nelle Wine Industry
Il numero delle aziende che decidono di intraprendere ed impegnarsi in un percorso debito alla sostenibilità dell’ambiente è sempre in aumento e, tra queste, le aziende vinicole stanno incominciando ad essere molto attive, dopo aver percepito che il cambiamento climatico può toccare in modo sensibile anche questo settore.
Infatti il mondo della wine industry e quello della sostenibilità sociale sono sempre più in simbiosi, anche per cercare di competere in maniera più forte su quello che sono i mercati mondiali. Impegnarsi nella lotta contro l’inquinamento, adottare delle politiche aziendali interne che mirano ad un cambiamento di rotta verso una produzione più green, permette alle diverse aziende vinicola di affacciarsi ad una fetta di mercato più ampia, quella fetta di clientela che ha a cuore le tematiche ambientali e nota l’impegno di un’attività nella lotta contro l’inquinamento.

Non si tratta solo di una questione di allargamento della propria fetta di mercato e, quindi, di puntare verso guadagni maggiori, bensì qui entra in gioco anche la responsabilità sociale e, soprattutto etica dell’imprenditore 2.0, non attento solo al profitto, ma che possiede una coscienza e dei valori.
Questo, nel mondo in cui viviamo oggi, dove le persone sono sempre più informate e aggiornate, permetterà di sviluppare la brand identity aziendale, stravolgendo la visione che la clientela ha di una determinata azienda.
Tutto deve partire dall’educazione
Come abbiamo già detto, quello delle tematiche ambientali è una materia che si fonda molto sulla sensibilizzazione del collettivo, senza la quale niente di tutto questo sarebbe possibile. Ed è proprio per questo motivo che è molto importante che si crei una sorta di educazione alla sostenibilità ambientale, che vada a ricoprire tutto il territorio, ma che in primis parta li da dove si sviluppa il tutto, cioè dall’interno delle industrie del vino.
Infatti è essenziale che all’interno degli uffici marketing delle aziende vitivinicole si instauri una cultura che tende verso a comportamenti più green, che sia in grado di far adottare a tutta l’azienda delle soluzioni a favore dell’ambiente, in modo tale da essere competitivi sul mercato e migliorare quella che è la percezione aziendale, di un’attività che ha a cuore la sostenibilità, e si impegna nel portare beneficio al cambiamento.

Il mondo della wine industry si espande a livello globale, ed è proprio per questo che le Nazioni Unite hanno stilato l’Agenda del 2030, sottoscritta da ben 19 paesi e nella quale si incentiva la crescita industriale sostenibile, che punti a processi di produzione green e a zero impatto. Sono ben 17 gli obiettivi di sviluppo sostenibili prefissati nell’Agenda 2030, obiettivi che tutte le aziende vitivinicole devono prefissarsi di raggiungere entro 10 anni.

L’attenzione dovuta verso l’ambiente

Vai alla barra degli strumenti