Ripe Red Wine Grapes In Harvest Bins One Fall Morning.

Ripe Red Wine Grapes In Harvest Bins One Fall Morning.

Risale al 2004 la definizione di “vitivinicoltura sostenibile” proposta dall’OIV (Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino), uno degli organismi di tipo scientifico e tecnico più autorevoli nel mondo del vino, che così la definì:

“approccio globale commisurato ai sistemi di produzione e di trasformazione delle uve, associando contemporaneamente la longevità economica delle strutture e dei territori, l’ottenimento di prodotti di qualità, la presa in considerazione delle esigenze di una viticoltura di precisione, dei rischi legati all’ambiente, alla sicurezza dei prodotti, alla salute dei consumatori e la valorizzazione degli aspetti patrimoniali, storici, culturali, ecologici ed estetici.” (OIV, 2016)

Successivamente lo stesso, dopo alcune sottili modifiche nel 2008, con una Risoluzione del 2016, emanò 5 Principi generali al fine di contemperare in una valutazione equilibrata, attuale e flessibile la componente ambientale, già delineata e ben presente, con la sensibilità sociale e culturale verso il personale (adeguate condizioni di lavoro, continua formazione e corretto inserimento dei lavoratori, integrazione nell’ambiente socio-economico e culturale) e i consumatori (attenzione alla salute e alla sicurezza), con l’economicità d’azienda a lungo termine, intesa in senso di resilienza quindi la capacità di adattamento del sistema produttivo, e di efficienza ossia l’ottenimento del massimo output con il minimo impiego di input, al fine di contenere costi e sprechi.

In questo modo una produzione vitivinicola che si definisce “sostenibile”, nel tempo deve sapere includere tutte le dimensioni dell’ampio concetto, adattandole al territorio, all’azienda e al prodotto; per questo motivo non è possibile definire una condotta d’azione comune, tanto che ogni realtà del settore è diversa e deve impegnarsi a pianificare, definire obiettivi e operazioni da eseguire, in modo da valutare regolarmente attraverso indicatori e criteri l’efficacia dei risultati raggiunti, con l’intento di poter predisporre azioni di adattamento, in ottica di un miglioramento continuo. In tale frangente rientrano le certificazioni che forniscono le metodologie, validano i dati, ne attestano la veridicità, con l’obiettivo di giungere a delle informazioni robuste, sostenute da fondamenti scientifici e metodologici.

Merita particolare menzione il 5° Principio, il quale pone dei capisaldi per un’azienda: la “valorizzazione delle conoscenze”, intese come sviluppo costante di tecniche e condizioni normative di sviluppo sostenibile, sempre aggiornate, anche attraverso la formazione del personale; la “comunicazioneaccurata dei principi di sostenibilità e della loro concreta applicazione in azienda, promossa sia verso l’interno, quindi informando ed orientando il personale, sia verso l’esterno, al pubblico, vista la fondamentale importanza della collaborazione e della condivisione con tutte le parti della filiera vitivinicola.

In Italia, nello stesso 2016, è stato recepito il valore del vino italiano, quale patrimonio culturale nazionale da sostenere in tutti gli aspetti di sostenibilità sociale, economica, produttiva, ambientale e culturale, tant’è che è stata emanata la legge 12 dicembre 2016 n. 238, che così dispone all’art.1:

“Il vino, prodotto della vite, la vite e i territori viticoli, quali frutto del lavoro dell’insieme delle competenze, delle conoscenze, delle pratiche e delle tradizioni, costituiscono un patrimonio culturale nazionale da tutelare e valorizzare negli aspetti di sostenibilità sociale, economica, produttiva, ambientale e culturale.”

Una breve presentazione di un più ampio quadro generale, al cui interno possiamo trovare l’estesa e precisa definizione di “sostenibilità vitivinicola“: un concetto variegato e variopinto, spesso usato impropriamente, e che include al suo interno espressioni come “integrato”, “biologico” e anche “biodinamico”.

#winesustainability #OIV #vitivinicoltura #sostenibile

 

 

Sostenibilità in vitivinicoltura… ma cosa significa realmente?